Massoneria Operativa e Speculativa e Spirituale

Domanda: è stato detto che ‘esattamente come la Massoneria Speculativa è emersa dalla Massoneria Operativa, allo stesso modo la Massoneria Spirituale emergerà dalla Massoneria Speculativa.’ Quali sono le vostre opinioni su questa tendenza evolutiva proposta?

Un esame più profondo di questa domanda dipende dalle opinioni dettate dalla comprensione che un Massone ha su vari fattori correlati, per esempio, la natura dei Costruttori (chi sono, poi?), su ciò che si costruisce, la Massoneria speculativa, la Massoneria operativa, la Massoneria spirituale, ecc.

In AUM il nostro pensiero è contrario a quello tradizionale Massonico, per quanto riguarda cosa è originato da cosa, ed un’analisi di questa domanda deve, necessariamente, tenere in considerazione gli Antichi Landmarks. Considerando il quesito come un’espressione simbolica che incarna le verità di base della Massoneria, il significato esoterico più vicino all’origine dell’idea, è quello della precipitazione sulla terra, di alcuni piani archetipici cosmici ed universali, che si possono trovare conservati per noi nel ‘libro illustrato dei Cieli’, dove il disegno delle cose esiste. Dunque gli Antichi Landmarks si potrebbero definire come un riflesso, un’esteriorizzazione ed una forma simbolica di quei princìpi, scopi, tecniche, metodi e regole d’ordine, che governano la Loggia Bianca. I Landmarks riconosciuti, devono avere una relazione e corrispondenza con una realtà oggettiva.

I Capisaldi della Massoneria sono sopravvissuti, attraverso le epoche, ‘da tempo immemorabile’. Una definizione del termine ‘Antichi Landmarks’ trova coerenza con l’idea di figure archetipe che precipitano dall’Alto. Ciò dimostra l’asserzione che riconosce nella Massoneria, con la sua enfasi sulla costruzione del Tempio Spirituale, un riflesso o la precipitazione sulla Terra di un’attività eterna, simile ad una Loggia di Maestri Massoni; attività interiore e spirituale, che opera sotto la guida del Gran Maestro del Mondo, e per estensione sotto il Gran Maestro dell’Universo. Il risultato di quest’attività interiore è l’esistenza stessa della Massoneria.

Gli Antichi Landmarks, quindi, possono essere considerati il risultato del riconoscimento, da parte degli uomini dell’antichità, di quelle impressioni, precipitazioni e simboli spirituali, che dovevano garantire all’umanità l’esistenza di ciò che si trova dietro tutti i fenomeni manifesti. Essi descrivevano all’uomo quel mondo di rappresentazioni, di forme archetipe e di poteri creatori, che, per molti, è l’unica spiegazione di quello che si può vedere.

Massoneria Operativa

Le prime forme assunte dagli Antichi Landmarks erano certe vaste costruzioni di antichi Templi Iniziatici, che si trovavano sparse per la terra, alcune delle quali esistono ancora oggi, come in Sud America, in Egitto ed in Inghilterra (v. ad es. Stonehenge). Quei primi uomini, costruirono enormi Templi, ma l’innalzarono secondo i progetti simbolici che videro rappresentati nei riti e nelle cerimonie a cui assistevano, messi in atto dagli antichi sacerdoti-iniziati. Per tutto il pianeta, anticamente, i centri magnetici sacri furono segnati dall’erezione di tali Templi, creando così una griglia magnetica di luce intorno al globo e tra di essi, e rimasero come simboli planetari di uno scopo e una volontà spirituale, che era inalterabile e fissa.

È proprio in questi templi e in queste antiche strutture che abbiamo, simbolicamente parlando, l’origine della Massoneria operativa; tuttavia occorre comprendere che, in sé stessi, sono un simbolo esterno di quella Massoneria Speculativa, che si dedica (come la Loggia Bianca) al compito di illuminare, istruire ed elevare la coscienza dell’umanità attraverso la luce dell’Anima.

Dunque il nostro punto di vista, in AUM, è il contrario di quello exoterico e tradizionale Massonico, che indica la nascita della massoneria speculativa da quella operativa. Noi crediamo che l’arte operativa sia un risultato, un’espressione o un effetto esterno della scienza interiore e speculativa. La comparsa nella forma avviene per la precipitazione di alcune verità interiori, che riguardano piani e modelli archetipici solari, cosmici ed universali. Perciò, a nostro parere, la massoneria operativa non è altro che un simbolo esterno di una realtà interiore e spirituale, e riteniamo che la scienza speculativa esistesse ben prima della corporazione operativa.

Massoneria Speculativa

Una delle definizioni convenzionali di ‘Massoneria Speculativa’ è che essa ‘non è altro che l’applicazione della Massoneria Operativa a scopi morali e intellettuali’. Fino ad un certo punto, essa è molto utile, nell’applicare i simboli secondo il metodo filosofico induttivo Aristotelico, che guarda al lato interiore delle cose, dal particolare verso l’universale. Ma a nostro avviso, la sequenza è contraria e concerne più i punti di vista occulti del ragionamento deduttivo di Pitagora e Platone, oltre quello dell’Antica Saggezza; visione esoterica secondo la quale, tutte le cose procedono dall’essere interiore all’apparenza esteriore, da dentro a fuori, dall’universale al particolare, e che l’apparizione dei fenomeni avviene per una precipitazione creativa degli impulsi interiori.

L’opera della Gran Loggia Bianca si occupa della rivelazione dello spirito tramite il mondo esteriore delle forme. L’opera del singolo Massone, all’interno del Tempio del suo cuore, segue lo stesso scopo principale. L’opera che ogni Loggia è destinata a dimostrare, ha praticamente lo stesso obiettivo – la rivelazione della qualità divina nella forma di gruppo.

Sotto questa luce, è possibile rendersi conto e comprendere che l’arte della massoneria operativa, emerse dalla scienza speculativa ed dalla sua precipitazione nella forma. Quella scienza speculativa si occupa del compito di illuminare, istruire ed elevare la coscienza dell’umanità. Il vero costruttore in questa impresa, a cui tutto il simbolismo Massonico fa riferimento, è l’anima, il costruttore dell’uomo interiore (in termini sanscriti, il pitri solare), il cui obiettivo è di elevare gli stati di coscienza della materia. Il principale strumento di lavoro di questa Entità è il fattore mente, nella sua triplice suddivisione, attraverso cui essa forma e modella – dall’interno all’esterno – e costruisce, secondo il disegno o progetto interiore, che giace nel Quadro di Loggia della coscienza spirituale. Dunque, piuttosto che la costruzione di un tempio esteriore, è il Tempio interiore dell’Anima, il Tempio della Luce, a cui la Massoneria speculativa indirizza la nostra attenzione, illustrandone il processo, gli obiettivi e gli scopi spirituali, attraverso il simbolismo dell’arte del costruire, come rappresentato nella simbologia degli psicodrammi del rituale e del cerimoniale della Massoneria. La Massoneria Speculativa, dunque, nel suo senso più genuino, sta collaborando con la Grande Loggia Bianca nell’opera di manifestazione dello spirito attraverso la forma esteriore; comprendendo questo, comprenderemo il significato più vero della Massoneria Operativa.

I Costruttori Creativi

Su un livello molto più profondo od esoterico, per una comprensione dell’opera più vera sul ‘costruire’ e sul tema Costruttori – di cui la Massoneria non è altro che un simbolo – si deve fare una considerazione ed uno studio che includa le Gerarchie Creative. Queste sono i Costruttori attivi, costantemente al lavoro all’interno dell’Onnipotente Lavoro di Gruppo del Creatore. Tutto ciò che esiste è essenzialmente composto del Loro essere e dato che, noi, in tutte le nostre parti, siamo non solo fatti da e di Loro, ma nel nostro Sé più profondo e spirituale siamo intrinsecamente parte di Loro, ci si renderà conto che la nascita o lo sviluppo di quella che potrebbe essere considerata Massoneria ‘occulta’ od ‘esoterica’ –coscientemente operante con e all’interno di queste Forze viventi – giace ben lontano da noi in questo momento. Questo è un argomento profondo che va oltre il nostro obiettivo in questa sede.

Poiché quel tipo di esoterismo od occultismo (qui si applicano i termini ‘esoterico’ ed ‘occulto’ relativamente ad una conoscenza di quelle energie e forze misteriose, che non sono sempre facilmente note all’uomo tradizionale o alla scienza convenzionale; eppure sono comunque, sempre presenti e causali, e non hanno niente a che vedere con qualcosa di oscuro e minaccioso – senso tradizionalmente associato a tali termini, per ignoranza – ma sono le forze ed energie usate ed applicate dai lavoratori e servitori nella Luce a beneficio dell’umanità) al momento è ancora lontano per la Massoneria, in risposta alla domanda che la ‘Massoneria spirituale emerge da quella speculativa’, presentiamo un punto di vista alternativo. Tale punto di vista non si trova tanto nella triplice sequenza di nascite, come delineato nella domanda iniziale, ma nella necessità di compiere la fusione tra interiore ed esteriore, soggettivo ed oggettivo, operativo e speculativo, per poter meglio comprendere la natura della futura tendenza e necessità evolutiva della Massoneria. Dunque, attraverso questa amalgama e fusione, la Loggia interiore e spirituale, può manifestarsi sulla terra e le Logge sulla terra possono essere elevate spiritualmente.

Dunque: ‘Fate che ciò che è in basso, sia come ciò che è in alto’, in AUM, è il nostro ‘motto’ e nota fondamentale.

Come in alto, così in basso. Che quello che è stato ritorni ancora. Come in cielo, così sia in terra…