Dichiarazione d’intenti

Quando, nel corso degli eventi, diventa necessario, per i membri di una Fratellanza, riaffermare i principi su cui è stata fondata la loro Antica e Rispettabile Istituzione, un certo riguardo per l’opinione dell’umanità intera, richiede che essi dichiarino apertamente qual è la ragione che li spinge a riaffermare questi principi e a proteggere e difendere i fondamenti del loro Statuto.

Noi consideriamo queste verità come ovvie, ovvero che tutti gli esseri umani siano stati creati da una comune origine divina, che essi siano stati dotati dal loro Creatore di determinati e inalienabili Diritti di Libertà sotto la giurisdizione della Legge Divina, e che tra questi Diritti vi siano Libertà, Uguaglianza e Fratellanza. Esse sono: Libertà di anima e coscienza, Uguaglianza di origine divina e Fratellanza di quella vera comunione che caratterizza lo scopo eterno dell’umanità, che è di ‘amarsi l’un l’altro’. Per assicurare questi Diritti essenziali di Libertà nella vita spirituale di tutti i popoli, e per cercare di raggiungere Saggezza e Verità, è stata creata sulla Terra l’Antica e Rispettabile Istituzione della Massoneria (Libera Massoneria) dalla Gran Loggia Bianca; per custodire gli Antichi Misteri (e dunque custodire il Piano divino) nel seno dell’Umanità, e così poter assicurare e instaurare questi Misteri all’interno del programma della vita umana, e guidare i membri dell’Istituzione nelle loro Logge all’Opera sulla Terra, al fine di assistere e cooperare con il Piano divino e la Sua Loggia – la Gran Loggia Bianca – nel costruire ed elevare il Tempio dell’Umanità (come Tempio di Luce), alla Gloria del Grande Architetto dell’Universo, per il benessere ed il miglioramento di tutti i popoli. Che l’instaurazione e la perpetuazione di questi Misteri (riguardanti lo scopo divino dell’umanità), i diritti divini e la vita spirituale dell’umanità, possano essere protetti e conservati.

I Governi delle Fratellanze Massoniche vengono istituiti tra i popoli del mondo per poter garantire loro questi Diritti, prendendo i loro giusti poteri dall’adesione agli Antichi Landmarks ed il consenso di coloro che da essi son governati. Quando una qualunque forma di Governo Massonico diventa di ostacolo, non è più fedele o si cristallizza rispetto a questi obiettivi, è Diritto dei Maestri Massoni regolarmente costituiti di cambiarla od uscirne, e di istituire e costituire un nuovo Governo Massonico. Governo, le cui basi saranno poste su tali principi ed i suoi poteri organizzati in modo da poter efficacemente perpetuare l’eredità spirituale, affidata loro dalla Loggia Spirituale con Originale Dispensa quando furono incaricati all’opera. La prudenza, comunque, impone che i Governi Massonici che siano stati creati da lungo tempo, non debbano essere cambiati per cause lievi e passeggere; allo stesso modo, l’esperienza ha mostrato come alcuni fratelli siano più propensi a rimanere attaccati a tradizioni formali vecchie e sorpassate – anche quando non hanno più lo scopo spirituale originale per cui erano state create – e a soffrire di vigliaccheria morale e povertà spirituale, piuttosto che ad allinearsi ai principi della loro Dispensa originale, abolendo o cambiando le forme cristallizzate a cui si sono assuefatti, quando siano diventati di ostacolo nel soddisfare i bisogni e le necessità spirituali dei tempi che cambiano e si evolvono, nella coscienza dell’umanità.

Ma quando una lunga serie di abusi e manipolazioni, che puntano invariabilmente allo stesso scopo, tradisce un progetto al punto ch’esse soddisfino la conservazione di una distorsione cristallizzata rispetto alla Dispensa originale, è loro diritto dovere costituire una nuova forma di Governo Massonico, creando nuove forme di tutela per garantire da tali derive. Tale è stata la paziente tolleranza di molti Massoni, e tale è ora la necessità che li ha costretti a creare un sistema più illuminato di Governo Massonico. Per il raggiungimento degli obiettivi principali della Dispensa della Gran Loggia Bianca, e per garantire il riconoscimento che l’ordine mondiale internazionale sia basato sulla creazione e conservazione di determinati Diritti inalienabili dovuti a tutti i popoli, tra cui il Diritto all’Educazione a tutti i livelli, la Gran Loggia, Antichi Misteri Universali, protegge e tutela i Diritti delle sue Logge affiliate ad essere i centri di apprendimento superiore per le arti e le scienze spirituali, secondo i principi, le pratiche e le forme ritualistiche dei Costruttori del Tempio, sotto il Grande Architetto dell’Universo. Per garantire una lunga linea di continuità alla ricerca di questi Diritti, è stato deciso che la Massoneria debba mantenere i sette aforismi più importanti, che esprimono come l’opera di una Loggia sia ‘propriamente e debitamente Costituita’ dalla Loggia Bianca, e che sono:

  1. Fate sì che in basso sia come ciò ch’è in alto.
  2. Vi è un modello stabilito in Cielo, a cui l’umanità ha il dovere di conformarsi.
  3. Tre M.M. governano una Loggia.
  4. Cinque Massoni creano una Loggia.
  5. Sette Massoni costituiscono una Loggia di Massoni.
  6. Sette Massoni la rendono perfetta.
  7. Entriamo nella Luce; passiamo dall’irreale al Reale; ed eleviamoci nella Vita.

….e che per poter operare fedelmente al modello di Ordine ed Architettura divini espressi in questi sette aforismi, è responsabilità di tutte le Logge regolari conservare gli Antichi Landmarks dell’Ordine dei Costruttori di Templi, di cui i quattordici più importanti sono qui elencati nel loro ordine di importanza:

  1. Fede in Dio (con qualunque Nome) o Divinità, come G.A.D.U.
  2. La Divinità Si esprime nel Suo Universo come Forza, Saggezza e Bellezza.
  3. Fede nell’Immortalità.
  4. La Leggenda espressa attraverso il Terzo Grado.
  5. I Tre Gradi della Loggia Azzurra.
  6. Tutte le varie Modalità di riconoscimento.
  7. Le Tre Grandi Luci.
  8. Il fatto che tutti gli uomini siano di un’uguale origine divina.
  9. Sette Massoni costituiscono una Loggia di Massoni.
  10. I Segreti della Massoneria siano accuratamente conservati.
  11. L’esigenza che ciascuna Loggia abbia un Copritore e sia ‘debitamente coperta’.
  12. Il Governo della Fratellanza Massonica sia un Gran Maestro V., e di una Loggia sia un Maestro V.
  13. La necessità per i Massoni di operare in gruppo nelle Logge.
  14. Che nessuno di questi Landmarks possa mai essere cambiato; questo vuol dire che i Massoni non devono, e non possono, cambiare gli scopi, il modello, il progetto, i procedimenti ed i principi a cui le Logge esercitanti dovrebbero conformarsi per poter esprimere e stabilire, cercare conformità ed obbedienza a quattro influenze dominanti, gli effetti delle quali sono espresse come le Quattro Leggi Divine, e che possono essere considerate i quattro lati del Tempio del Signore, e dunque il Tempio dell’Umanità, e per cui una nuova Dispensa viene rilasciata all’Ordine Massonico. Queste quattro Leggi vengono espresse nell’enunciazione delle seguenti idee, ma non limitatamente ad esse: 1. La Legge d’Amore. 2. La Legge del Ritmo. 3. La Legge di Riconoscimento. 4. La Legge dei Costruttori. Un altro importantissimo editto a questo Landmark è che non si possano cambiare i principi ed i requisiti per l’Iniziazione, come viene testimoniato da tutti i precedenti Landmarks.

Fate in modo che la parola si diffonda, da oggi, a tutti i Massoni ai quattro angoli della terra, che noi non siamo alla ricerca di ostilità, né cerchiamo di sovvertire o sostituire alcuna Gran Loggia o Supremo Consiglio regolari e debitamente costituiti, ma che cerchiamo solo la cooperazione fraterna con tutti i fratelli propriamente qualificati e gli Ordini Massonici riconosciuti, per la causa della Grande Opera.

Noi, dunque, essendo Maestri Massoni riuniti in Gran Loggia, facendo appello all’Altissimo come Giudice Supremo del mondo per la rettitudine delle nostre intenzioni ed azioni, nel Nome e per l’autorità dei nostri Grandi Ufficiali, Membri di Costituzione, e Rappresentanti, sotto la giurisdizione della Gran Loggia, Antichi Misteri Universali, Grande Oriente di S......., formalmente pubblichiamo e dichiariamo, istituiamo e promulghiamo le seguenti Dichiarazioni, Definizioni, Leggi, Statuti, Norme, Regolamenti ed Editti, che collettivamente ed in linea con la prassi Massonica antica e tradizionale, saranno conosciuti e considerati come Le Costituzioni.

Consegnato dalle nostre mani e Sigillato, oggi 26 Ottobre 1992, nella Gran Loggia, Antichi Misteri Universali riunita.

Firmata e Sigillata dagli Ufficiali di Gran Loggia.